salta al contenuto

Concordato Fallimentare

COS'E'

Il servizio riceve i Ricorsi per l’ammissione alla procedura di concordato fallimentare ex art. 124 L.F.

A COSA SERVE

Il concordato è uno strumento finalizzato alla cessazione/chiusura del fallimento, già dichiarato con sentenza. Con tale concordato viene raggiunto un accordo tra il fallito ed i creditori, volto a soddisfare parzialmente le esigenze di questi ultimi, che viene omologato dal giudice delegato.

CHI

  • Uno o più creditori
  • Un terzo
  • Il fallito (nei termini di cui all’articolo 124 L.F.)

COSA DEVO FARE PER

Occorre presentare un ricorso, direttamente in cancelleria fallimentare o per via telematica; questa seconda via è percorribile unicamente da quei soggetti abilitati all’interlocuzione telematica con il Tribunale tramite sistemi informatici (SIECIC), non bastando una semplice PEC.

Attenzione: la firma sul ricorso dovrà essere autenticata, da un legale o in cancelleria. L'autenticazione non è necessaria per eventuali richieste di integrazione.

Con la presentazione del ricorso nasce un SUB procedimento all’interno del fascicolo del fallimento che, ancorché avente una propria natura, si inserisce nella procedura fallimentare.

E’ necessario depositare:

  • Ricorso per concordato fallimentare;
  • Nota di iscrizione a ruolo;
  • Contributo unificato (€ 98.00) e bollo (€ 27.00) in marche;
  • Documentazione varia a fondamento del ricorso.

MODULISTICA

Non disponibile

COME FUNZIONA

La proposta di concordato, oggetto del ricorso, viene presentata al giudice delegato che, successivamente, provvederà all’omologazione, previo parere del curatore fallimentare e del comitato dei creditori.

Prima dell’omologazione, tuttavia, il giudice delegato ordina che la proposta venga comunicata ai creditori i quali hanno facoltà di opporvisi, manifestando il proprio dissenso; il giudice fissa un termine per tale manifestazione, che non può essere inferiore a 20 giorni e non superiore a 30 giorni, trascorso il quale, in caso di silenzio, la proposta s’intende accettata.

Decorsi tutti i termini previsti dalla legge il giudice delegato provvede all’omologazione, che diventa efficace trascorsi 30 giorni dalla notificazione del decreto di omologa ad opera della cancelleria, senza che sia proposto alcun reclamo alla competente Corte di Appello.

A CHI DEVO RIVOLGERMI

REFERENTE URP: Antonella Ruta

RESPONSABILE DEL SERVIZIO: Simona Borgioli

+ 39 055 799 6363;

+ 39 055 799 6285; fallimentare.tribunale.firenze@giustizia.it

DOVE

Accesso B Piano 4 L03

ORARI DI APERTURA

Consultare la pagina "Uffici e Cancellerie"

ASSISTENZA LEGALE

Non obbligatoria

COSTI

  • 1 marca da bollo da € 27,00
  • Contributo unificato da € 98,00 (in marca da bollo)

Attenzione: il pagamento può avvenire anche con F23 (fac-simile con codici presente in sezione “Modulistica” – iscrizioni a ruolo civile)

NORMATIVA

Legge Fallimentare – art. 124 e segg.